Kanseil - Doin Earde

by Kanseil

supported by
/
  • Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

     €8 EUR  or more

     

  • Full Digital Discography

    Get all 20 Nemeton Records releases available on Bandcamp and save 40%.

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality downloads of Icethrone - Winter Tales, Vinterblot - Realms Of The Untold, Vallorch - Until Our Tale Is Told, Strawdaze-Sei, Arcana Opera - De Noir, Kanseil - Doin Earde, Clamor Silvae - Mel Daemoniosus, Evendim- Old Boozer's Tales, and 12 more. , and , .

     €66.60 EUR or more (40% OFF)

     

  • Kanseil - Doin Earde Standard Edition
    Compact Disc (CD)

    Cd digipak with 12 pages booklet

    Includes unlimited streaming of Kanseil - Doin Earde via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

    Sold Out

  • Kanseil - Doin Earde - Limited Edition
    Compact Disc (CD)

    Cd Digipak 2 panels with 12 pages booklet with A4 poster +Sticker + 25mm Pin

    Includes unlimited streaming of Kanseil - Doin Earde via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

    Sold Out

  • Kanseil - Doin Earde Limited Edition (2)
    Compact Disc (CD)

    Cd digipak 12 pages booklet + A3 Poster + Sticker

    Includes unlimited streaming of Kanseil - Doin Earde via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

    Sold Out

1.
2.
3.
07:30
4.
05:15
5.
02:28
6.
04:50
7.
8.
9.
05:24
10.
04:42
11.
10:28

credits

released May 20, 2015

tags

license

all rights reserved

about

Nemeton Records Dublin, Ireland

Nemeton Records is an independent label from Italy, dedicated to Folk Metal and the relative sub- genres.

The label offer Recording, Management, Promotional and Booking deals.

For more information write to nemetonrecords@gmail.com
... more

contact / help

Contact Nemeton Records

Streaming and
Download help

Redeem code

Track Name: Lo Spirito della Notte
E la natura è un coro costante di voci,
il suo canto si innalza tutt’attorno,
fiamme ardenti che bruciano atroci
e le ombre chiudono il ricordo del giorno.

Un albero come una spada si alza in erto,
riflette una luce tetra sulla valle,
un gufo si sposta con un volare incerto
e il crepuscolo muore dietro le nostre
spalle.

E la natura è un coro costante di suoni,
il freddo dell’inverno congela i rami,
il vento fischia turbato sotto cupi tuoni
e il villaggio dorme aspettando il domani.

Mi siedo ad ascoltare il fruscio delle foglie
e rifletto sul fato che mi attenderà poi,
il gelo mi blocca e placa le mie voglie
mentre lo Spirito della Notte si leva
sopra di noi.
Track Name: Ciada Delàmis
L’orgoglio offusca, la mente trama vie di
fuga nella notte che inganna, l’amore non
ti basterà più.

Cavalca il fiero guerriero, tra luci
ed ombre sulla perduta via.
Solo si imbatte in quella foresta, antiche
magie combatterà.

Birta odlata che accompagna gli stregoni
del bosco,
il tempo è scandito dalla manèra,
lo stridio di catene accompagna le grida
dell’orso.
I sassi rompono l’incanto.

Acceca la rabbia, la brama di vendetta
ti consuma e travolge la valle di Ciada
Delàmis.

Cavalca il fiero guerriero, tra luci ed
ombre sulla perduta via.
Solo si imbatte in quella foresta, dove
l’onore ritroverà.
Track Name: Dòin Earde
Bolként im lant der Tzimbarn!

Morsi di gelo i miei passi han provato
segreti sentieri a casa han portato.
Quando quel fuoco era ancora lontano
lui mi ha parlato e guidato la mano.

Piante e animali dal tempo scacciati
vecchie montagne dal ferro squarciate.
Quando quei ghiacci le vette han lasciato
le voci del vento sospiri han tirato.

Doin Earde!
Doin Loite!

Sussurri di suppliche lui sa ascoltar
sulla pietra e sul legno sa lavorar.
La foresta consiglia, veglia e racconta
di ghiaccio e di fuoco sulla tua porta.

Sento nella pioggia e nel vento
le parole di un tempo
di un compagno e fratello
che parola non ha.
Scordate realtà.
Lüsn zo dar balt!
Antiche armonie ricorderà.

Quando quel fuoco era ancora lontano
lui mi ha parlato e guidato la mano.
Spirito che un giorno rideva nell’erba
da coltri di fumo la sua voce è coperta.

Benedizioni di un ricco signore
non sfameranno il vecchio pastore.
Genti di risa, dolore e sudore,
terra di cui hai scordato il sapore!
Track Name: Panevìn
Bruserà, n’te ła nòt al fògo stuserà
l’anima, de ‘n an che ormai le zà pasà.
Se leveran, e sora i còl se perderan
i tòc de un an su i camp, ẑenere che al vènt le
ẑa tornà.

Notte di fuochi che
con le memorie di ogni val, là su nei crinali si
alzeran ancora.
Fiamme di luce, da dietro ai monti ritornerà
e ai campi vita donerà per ora.
Antico rito, nei secoli ancora resisterà.
Danzar di fiamma, alto in cielo porterà.

Danzeran, veci e ẑoveni par man.
Al vin ‘n tei goti s’alzerà, e prest se brindarà.
Tornarà, fam e sé no finirà.
Al sol se ẑà levà, e i om i torna a laòrar.
Track Name: Ais un Snea
Ais un snea vorsbintenten,
de eerda rüstet sich grüün,
nakhont roote pöömelen
khearnt börfan loop un plüün,
nakhont roote pöömelen.
khearnt börfan loop un plüün.

De tzait in minschen maneden,
Se machet noch iar khear,
Dar man, an botta stiirbet ar,
Biar segan in nemèar.
Track Name: Mažaròl
‘Nđó ‘ł trói cór ‘tra càmp e bosc,
co eł sol se stusa e se cuerđe i
ẑóc,
so’ stàt drío i pas deł Maẑaról.
Tut al dì no me so’ fermà,
me so’ ẑa pérs ‘tra foje e ram,
me par cheł síe scanpà.

Maẑaról! ‘Ndo setu ‘ndà
Maẑaról! Te ‘còre qua
Maẑaról vàrđa là, cóm’ i more i
tò camp!
Maẑaról! ‘Ndo setu ‘ndà
Maẑaról! Curi! Qua!
Maẑaról vàrđa là, solche piere
sora i prà!

’Na jòlta ai òm te féa catàr,
co i se svéjea eł laór ẑa fat,
e có i fiói i pođéa ẑugàr.
Ma ‘ncó no i è, pi i stéssi camp
E i òm i ẑerca de desmentegàrse
che i vién da i prà.

Maẑaról! ‘Ndo setu ‘ndà
Maẑaról! Te ‘còre qua
Maẑaról vàrda là, cóme i
more i tò canp!
Maẑaról! ‘Ndo setu ‘ndà
Maẑaról! Curi! Qua!
Maẑaról vàrđa là, solche piere
sora i prà!

Ma la tera no l’è dei òm che
no i sa
che l’è drío i ram, no l’è
scanpà..
La tera no l’è de i òm che no
i sa
che tra i ram l’è drìo varđàr...
Track Name: Bus de la Lùm
Sorge la Luna, tra le fronde
splenderà.
Fatui i fuochi che la croce
bruceran,
esili respiri soffocati nella neve
dei volti scolpiti che nel ghiaccio
resteran.

L’anima no se ha stusà,
la luna tornarà e ‘l rogo bruserà.

Storia di un’altra età che nel
tempo si perderà
Ferita che resterà incisa nel
nostro pian.

La roccia tremerà, il sangue
sgorgherà e in fondo sorgerà
Nel bus de la luce che squarcia
la carsica roccia,
spiriti risorgon dalla terra e nel
tempo passeran.

Crollano fragili ideali nella
notte,
sai che il sangue lì non si consumerà.
Taciti lamenti soffocati nella
nebbia
dei corpi perduti che il buio
spegneran.

L’anima no pianderà.
La tera se verđerà e le ombre
spariran.
Track Name: Bosc da Rème
Fòr dal bosc bandì jo ga menà
Col cant de la manèra
Ẑo par crođe stonfà in tel fret
Inte i braẑ deła Piave
Picai al legn’ com’ an ẑatèr
Taje e om mastegai da l’agua
La guera la jòl i braẑ de fagèr
E al leòn el ga ‘l libro serà!

Col vessillo de San Marc
Core Core le galee!
Inte ‘l meẑ al mar i se sbara
Par chi j ori i pòl robar!
I se copa tra poaret
Pì con ruđen che col fèr!
Tant’ el doge el sta inte ła ca’
Che ‘l ga i schei da contar
I se cata par coparse
chi sarà a comandar!
J ga menà al Bosc da Reme
Inte ‘l Levant a radegar!

Quanta ẑent al ne ga costà?
Ałe spose chi ‘l gheo disarà?
Gnanca łe vacche jo pòl calpestar
El se ẑuga a spostarse łe crođe
El l’è ‘n bosc da da tegner de cont
L’è marcà tut par l’arsenàl!
Inte ste ague rosse le jòl,
Ciesa, republica, e sta santa łiga
Nesùn se pensa de quei che žiga
Sone i cristiani e fone raẑia!
(tributo ad Alberto D’Amico autore di “Riva i
barbari”)

I manco sventurai i vien pironai
dai turcs!
Qui al se mor de tifo o negai
Se jo savè prima no ghe vegnivo!

Col vessillo de San Marc
Core Core le galee!
Inte ‘l meẑ al mar i se sbara
Par chi j ori pòl robar!
I se cata par coparse
chi sarà a comandar!
J ga menà al Bosc da Reme
Inte ‘l Levant a radegar!
Track Name: Tzimbar Bint
L’ inverno è trascorso nella gelida valle,
il vento fra i rami è come immenso ansimare
Il bosco è un unico smisurato animale,
con rispetto in silenzio lo dobbiamo ascoltare.
Verranno silenzi, notti senza respiri,
se non ricordiamo i tempi ormai lontani.
Per preservare le nostre radici
tramandiamo al mondo i racconti perduti.

Il canto del vento tra cime innevate
ricorda origini lontane.
Scolpite memorie
Tzimbar Bint!
Sàit gariibet ist!

Il saluto del corvo richiama al silenzio,
in una notte in cui il vento ormai canta
sommesso.
Antichi versi trafiggono lenti i monti,
e la brina risveglia il verde dei prati.

Il mio popolo combatte,
combatte tutt’ora,
affinché la gente ricordi la storia
affinché il mondo ricordi ancora
il Cimbro furore nel presunto reale.
Track Name: La Sera
Fređa la sera la vien đo in tei càmp.
Su łe montagne distend al so mànt,
in veta an dì la ‘speterò,
e sora le so’ ali me ‘ndormenzerò.

Spént al camin je tuti a dormir,
gnanca na foja la se fa sentir,
in veta un dì la ‘speterò,
e sora łe so’ ali me ‘ndormenzerò.
Track Name: Vajont
Nella notte presto finirà, Longarone non si
sveglierà.
Una strana alba sorgerà, chi ha colpe, non
le perderà.
Ma non morirà, la memoria.

Terra tolta ad un popolo, che nei secoli la
preservò,
fango e vento ora avvolgono, chi la terra
lavorò.
La montagna, non conoscerà.
La vendetta, più non servirà.
Per chi crede, che nel tempo, la storia si
cancellerà…

Par non ch’o sin muarts, pal nestri dolòr.
No baste la storie, vendete o memorie.
Us spetin di sot...

Fantasmi di pietra avvolti da ghiaia e
detriti, resti di storie tra pagine bianche,
orme incise nel fango e nel tempo, neanche
la pioggia le cancellerà.

Silenzio tremante di chi già sapeva, dell’
uomo che è causa della propria rovina
vivranno per sempre nei secoli ancora,
vivrà chi è morto nella nostra memoria.

Frèt! Frèt! Frèt! di sot dal’aghe.
Sèt, Sèt, Che, a no si distude.
Un’A, Ni, Me, dal scùr cjapade.
Tal, Pal, Tan, dal Longaron.

Par non ch’o sin muarts, pal nestri dolòr
no baste storie, vendete o memorie.
Spetin di sot, ta cjase di glerie e tiare
a jerin doimil lis vos, sot dal Vajont.

Corpi che affioran sul letto di morte,
silenti tutti restaron di fronte alla valle,
vite spezzate che gridano ancora, l’urlo
che sordo fu avvolto nell’ ombra.
Silenzio tremante di chi già sapeva, dell’
uomo che è causa della propria rovina
vivranno per sempre nei secoli ancora,
vivrà chi è morto nella nostra memoria.